pos-pagamento

Novità su crediti d’imposta collegati all’utilizzo di Pos per pagamenti elettronici

Le misure introdotte dal Governo relativi a Pos e pagamenti digitali vanno nella direzione giusta ed erano da tempo attesi dalle imprese.

Da tempo Confesercenti chiedeva l’abbattimento delle commissioni bancarie e l’introduzione di incentivi a favore delle attività economiche che scelgono di dotarsi di Pos e finalmente il Governo ha accolto le proposte dell’associazione di categoria.

L’ incremento dal 30% al 100% del credito d’imposta sulle commissioni relative ai pagamenti elettronici, introdotto dalla recente norma del Governo Draghi, ( DL 99/2021) permetterà agli esercenti che acquistano, noleggiano o utilizzano strumenti che consentono forme di pagamento elettronico, il rimborso integrale delle spese sostenute per l’utilizzo dei Pos.  Un risultato importante per le nostre imprese che da sempre rimarcano il costo eccessivo delle commissioni per l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronico.

Il credito d’imposta maturato sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione a decorrere dal mese successivo a quello in cui la spesa è avvenuta. Successivamente l’Agenzia delle Entrate riceverà dai prestatori di servizi le informazioni sulle transazioni effettuate a favore di esercenti e professionisti.

Inoltre è stato istituito un nuovo credito d’imposta, cumulabile con il precedente, per l’ acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti tecnologicamente evoluti di pagamento elettronico, che consentano anche la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi, nell’anno 2022.

Le misure introdotte che, ricordiamo, varranno dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022, rappresentano un sostegno reale ai nostri associati perché abbattono i costi delle commissioni bancarie ed incentivano l’ utilizzo dei pagamenti digitali,  soprattutto dopo le chiusure e restrizioni degli ultimi mesi  che hanno messo a dura prova esercenti e professionisti.

Per conoscere le caratteristiche tecniche degli strumenti di pagamento elettronico utili ad ottenere il credito imposta su acquisto / noleggio, oppure sulle commissioni, è necessario attendere apposito Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate (che dovrà essere pubblicato entro 60 gg. dalla conversione in legge del “Decreto sostegni-bis”).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.